QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Nota Tecnica del 28 settembre 2018

È disponibile la Nota Tecnica del 28 settembre 2018.

Nota Tecnica del 28 settembre 2018

Le indicazioni riportate nella seguente nota tecnica fanno riferimento alle disposizioni contenute nei Disciplinari di Produzione Integrata della Regione Emilia-Romagna.


Attenersi scrupolosamente a tutte le indicazioni riportate sulle etichette dei prodotti fitosanitari (dosaggi ad ettolitro, dosaggi ad ettaro, quantità di miscela distribuibile per ettaro, intervalli fra i vari trattamenti, epoche di intervento, ecc.).​


??PESCO

BATTERIOSI. Intervenire dopo la raccolta, sulle varietà sensibili, da fine agosto a fine ottobre, ad intervalli di 12-15 giorni (in relazione all'andamento climatico, pioggia e umidità persistenti favoriscono la malattia) con Selecta Disperss dose 150-200 g/hl, cioè 2 kg/ha (p.a. Rame solfato, max 4 tratt./anno in vegetazione). Trattare su pianta asciutta evitando il gocciolamento.

FUSICOCCO. Al verificarsi di piogge o bagnature persistenti intervenire dopo la raccolta, sugli impianti colpiti, con Enovit Metile FL dose 100 ml/hl (p.a. Tiofanate metile, max 2 tratt./anno dopo la raccolta). N.B. Il trattamento è ammesso dopo la raccolta e solo su percoche. Ammesso anche su impianti di pesche e nettarine con oltre il 15% di piante colpite.

FITOPLASMI. In questo periodo è consigliabile controllare gli impianti e in presenza di piante con sintomi (precoce filloptosi) si consiglia di contattare il proprio tecnico di zona.

 

??ALBICOCCO

BATTERIOSI. Intervenire, dopo la raccolta, sulle varietà sensibili, da fine agosto a fine ottobre, ad intervalli di 12-15 giorni (in relazione anche all'andamento climatico), con Selecta Disperss dose 150-200 g/hl, cioè 2 kg/ha (p.a. Rame solfato, max 4 tratt./anno in vegetazione). Trattare su pianta asciutta evitando il gocciolamento.

FITOPLASMI. In questo periodo è consigliabile controllare gli impianti e in presenza di piante con sintomi (precoce filloptosi) si consiglia di contattare il proprio tecnico di zona.

 

??SUSINO

BATTERIOSI. Intervenire da fine agosto a fine ottobre, ad intervalli di 12-15 giorni (in relazione all'andamento climatico, pioggia e umidità persistenti favoriscono la malattia) con Selecta Disperss dose 150-200 g/hl, cioè 2 kg/ha (p.a. Rame solfato, max 4 tratt./anno in vegetazione). Trattare su pianta asciutta evitando il gocciolamento.

Per la varietà Angeleno non trattare prima di 20 giorni dalla fine della raccolta.

FITOPLASMI. In questo periodo è consigliabile controllare gli impianti e in presenza di piante con sintomi (foglie con lembo necrotizzato, accartocciate, precoce filloptosi) si consiglia di contattare il proprio tecnico di zona.

 

??MELO

DEROGA: in data 03/07/2018 è stata concessa deroga valida per l'intero territorio della regione Emilia-Romagna per l'aumento del massimale di ione metallo rame di 3 kg/ha per il controllo del COLPO DI FUOCO su pomacee. Il massimale diventa così di 9 kg/ha/anno (8 kg/ha/anno nel caso si sia utilizzato il p.a. Mancozeb durante l'annata).

TICCHIOLATURA ESTIVA. Negli impianti colpiti intervenire in preventivo su piogge con Merpan 80 WDG dose 2 kg/ha (p.a. Captano, max 14 tratt./anno tra Dithianon e Captano, 21 gg. di carenza; con Captano fare attenzione alla fitotossicità: distanziarne l'eventuale impiego di almeno 21 giorni dall'impiego di oli minerali e zolfo; non miscelare con Poltiglie Bordolesi e prodotti in formulazione EC) oppure, se necessario e solo su cloni di Gala, con Poltiglia Disperss dose 150-200 g/hl e 1,5-2 kg/ha (p.a. Rame solfato, 7 gg. di carenza, può creare fitotossicità sulle altre varietà).

COLPO DI FUOCO BATTERICO. Sono stati segnalati alcuni gravi attacchi. In caso di necessità contattare subito il tecnico di riferimento.

CARPOCAPSA. Intervenire 3 giorni dopo il superamento della soglia di 2 adulti per trappola in una o due settimane con Calypso dose 25 ml/hl e 0,375 litri/ha (p.a. Thiacloprid, max 1 tratt./anno, 14 gg. di carenza), attività collaterale su CIMICE ASIATICA e CICALINE, oppure 8 giorni dopo il superamento soglia con Spada WDG dose 319 g/hl e max 3,19 kg/ha (p.a. Fosmet, max 2 tratt./anno e max 5 tratt./anno fra Clorpirifos Etil, Clorpirifos Metil e Fosmet; acidificare l'acqua e 28 gg. di carenza) oppure con Laser o Spintor dose 30 ml/hl (p.a. Spinosad, max 3 tratt./anno con spinosine, 7 gg. di carenza) o Delegate WDG dose 0,3-0,4 kg/ha (p.a. Spinetoram, max 1 tratt./anno e max 3 tratt./anno con spinosine, 7 gg. di carenza) oppure con Affirm dose 300 g/hl e 4 kg/ha (p.a. Emamectina, max 2 tratt./anno, 7 gg. di carenza).

CIDIA MOLESTA. Intervenire in presenza di ovideposizioni o con 1% di fori di penetrazione con Affirm dose 300 g/hl (p.a. Emamectina, max 2 tratt./anno, 7 gg. di carenza) oppure con Laser o Spintor dose 30 ml/hl (p.a. Spinosad, max 3 tratt./anno con spinosine, 7 gg. di carenza) o Delegate WDG dose 0,3-0,4 kg/ha (p.a. Spinetoram, max 1 tratt./anno e max 3 tratt./anno con spinosine, 7 gg. di carenza) oppure con Trebon Up dose 50 ml/hl (p.a. Etofenprox, max 3 tratt./anno, 7 gg. di carenza).

MOSCA DELLA FRUTTA. Fare attenzione alla presenza degli adulti (rilevabili con trappole). Intervenire in presenza delle prime punture fertili con Epik SL dose 100-150 ml/hl e max 2 litri/ha (p.a. Acetamiprid, max 2 tratt./anno), attivo anche contro CIMICE ASIATICA.

BUTTERATURA AMARA. Questa fase è particolarmente importante per la prevenzione della fisiopatia. Trattare con Ligoplex CA dose 2-4 litri/ha (ossido di calcio) oppure con Neobit dose 800 g/hl (cloruro di calcio) per continuare fino alla raccolta ad intervalli di 10-15 giorni. Verificare sempre la compatibilità con altri prodotti.

 

??PERO

DEROGA: in data 03/07/2018 è stata concessa deroga valida per l'intero territorio della regione Emilia-Romagna per l'aumento del massimale di ione metallo rame di 3 kg/ha per il controllo del COLPO DI FUOCO su pomacee. Il massimale diventa così di 9 kg/ha/anno (8 kg/ha/anno nel caso si sia utilizzato il p.a. Mancozeb durante l'annata).

COLPO DI FUOCO BATTERICO. Intervenire negli appezzamenti a rischio entro 24 ore dalla pioggia o grandine con Poltiglia Disperss dose 200-250 g/hl (p.a. Rame solfato).

VALSA. Il cancro si osserva con maggior frequenza sul tronco e alla biforcazione delle branche, più raramente sui rami. Se viene colpito il tronco, la pianta è destinata a morire. Sui cancri più vecchi si formano le fruttificazioni picnidiche del fungo, visibili anche ad occhio nudo (punteggiature nere in rilievo): I picnidi sono ripieni di una sostanza gialla vischiosa, costituita dalle spore del fungo che, in presenza di umidità, fuoriescono dai picnidi formando lunghi cirri gialli che si stanno osservando in questi giorni. Controllare gli impianti ed eliminare le piante colpite.

 

??ACTINIDIA

CANCRO BATTERICO. Dopo la raccolta è consigliabile trattare con prodotti rameici. Fare attenzione che il prodotto scelto sia autorizzato sulla avversità e in questa epoca.

CIMICE ASIATICA. Si segnalano presenze diffuse. Si consiglia di controllare gli impianti e contattare il tecnico di riferimento in caso di necessità.

 

??KAKI

DEROGA: in data 30/05/2018 è stata concessa deroga valida per l'intero territorio della Regione Emilia-Romagna per l'impiego della s.a. Spirotetramat per la difesa del Kaki dalle COCCINIGLIE; autorizzazione valida fino al 21/08/2018.

MOSCA DELLA FRUTTA (Ceratitis capitata). Monitorare la presenza degli adulti tramite trappole. Si segnalano catture. Intervenire a partire dall'invaiatura con Trebon Up dose 50 ml/hl (p.a. Etofenprox, 7 gg. di carenza, max 2 tratt./anno) oppure con Spintor Fly (esca proteica a base di Spinosad) dose 1 litro di prodotto per 4 litri di acqua (con 5 litri di soluzione si tratta 1 ha di frutteto): si deve erogare una piccola quantità sulla chioma di ogni pianta sul versante esposto a sud-ovest. Ripetere l'intervento ogni 7-10 giorni oppure dopo piogge dilavanti. In alternativa, impiegare delle esche attrattive innescate con p.a. Deltametrina (Magnet Med, 50-75 unità/ha).

 

??VITE

DEROGA: in data 27/08/2018 è stata concessa deroga valida per l'intero territorio della regione Emilia-Romagna per la realizzazione di un ulteriore trattamento fungicida (il terzo) da realizzarsi, nel rispetto dei vincoli, con i prodotti presenti nei Disciplinari di produzione integrata, per la difesa della vite da attacchi di muffa grigia (Botrytis cinerea).

BOTRITE. Intervenire, in previsione di pioggia, con Teldor Plus dose 100-150 ml/hl e 1-1,5 litri/ha (p.a. Fenhexamid, max 2 tratt./anno da etichetta, 7 gg. di carenza) oppure 3LOGY dose 400 ml/hl e max 4 litri/ha (p.a. Eugenolo-Timolo-Geraniolo, 3 gg. di carenza) oppure Amylo-X dose 1,5-2,5 kg/ha (p.a. Bacillus amyloliquefaciens, 0 gg. di carenza) oppure, con parziale attività eradicante, Karma 85 dose 5 kg/ha e max 500 g/hl (p.a. Bicarbonato di potassio, 1 gg. di carenza, non miscelabile con altri prodotti).

 

??IRRIGAZIONE

Di seguito riportiamo i volumi indicativi per questo periodo.

SPECIE Q.LI/HA DI ACQUA DA APPORTARE AL GIORNO
Actinidia 170-220
Melo - Kaki 130-150

 

CONCIMAZIONE AZOTATA AUTUNNALE

La concimazione azotata autunnale rappresenta un valido strumento per favorire l'accumulo di sostanze di riserva in radici, fusto e gemme a fiore. Queste sostanze sono importanti per la ripresa vegetativa e la fioritura dell'anno successivo e, inoltre, contribuiscono al superamento degli stress primaverili (abbassamenti termici, brinate).

Si riportano di seguito le epoche più idonee e i dosaggi per eseguire tali somministrazioni.

Specie Epoca di somministrazione % del totale da distribuire
Actinidia 10-15 ottobre 20%
Albicocco e Susino 15-25 settembre 20%
Pesco 15-25 settembre 20%
Melo e Pero 15-25 settembre 20%
Kaki 15-25 settembre 20%
Vite 15-25 settembre 20%

N.B. si ricorda di non intervenire oltre il 15 ottobre per l'actinidia e la vite e non oltre il mese di settembre per tutte le altre specie (epoche fissate come limite dal disciplinare).

 

FERTIRRIGAZIONE AUTUNNALE. Tale pratica consente di ottimizzare la somministrazione dell'apporto previsto. A tal proposito si consiglia di frazionare il quantitativo programmato in due interventi distanziati di 7 giorni. Dose consigliata di 20-30 unità per ettaro e comunque nel rispetto del quantitativo massimo ammesso per singola specie.

  • Concimi per apporti in copertura: Nitrato Ammonico 27%.
  • Concimi per fertirrigazione: Nitrato ammonico 34%, 30-0-0 (liquido).

 

CLOROSI FERRICA. In tutti quegli impianti soggetti a tale fisiopatia, è raccomandabile aggiungere alla concimazione azotata 5-10 grammi per pianta di chelato di ferro poiché le prove effettuate dimostrano che un intervento autunnale diminuisce il rischio di un precoce ingiallimento nella primavera successiva. Su actinidia si consiglia di associare al chelato di ferro un prodotto a base di aminoacidi o acidi umici per facilitarne l'assimilazione.

 

CONCIMAZIONE DI FONDO

Valutando lo stato di fertilità dei terreni della nostra zona, si evidenziano sempre più spesso situazioni di scarsa dotazione di vari elementi. Questi impoverimenti sono legati allo sfruttamento continuo da parte delle colture presenti, dalla troppo frequente lavorazione dei terreni e dalla concimazione spesso mal gestita.

Il ripristino dei livelli ottimali per alcuni fondamentali elementi della fertilità come la sostanza organica, il fosforo o il potassio, si può ottenere con buoni risultati solo tramite apporti eseguiti in pre-impianto.

Essendo questo periodo caratterizzato dagli abbattimenti e dalla successiva preparazione per il nuovo impianto, è fondamentale predisporre ora la concimazione di fondo, valutando, tramite un'appropriata analisi del terreno, quali e quanti elementi sono da reintegrare.

Una nota a parte merita la somministrazione della sostanza organica: nel nostro comprensorio frutticolo, il Compost può trovare impiego per la fertilizzazione in pre-impianto a pieno campo o localizzata sul filare, distribuito in copertura o, più efficacemente, interrato.

Comunque tramite l'ausilio dell'analisi del terreno è possibile valutare esattamente il quantitativo di sostanza organica d'apportare caso per caso.

 


File/Nota Tecnica/nota tecnica 28 settembre 2018.pdf
Scarica allegato


Le società del gruppo

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! RSS Evoluzioni Web